FAQ

Vitrificazione di ovuli: conservazione della fertilità

Qual è l'età migliore per congelare i miei ovuli?

A partire dai 35 anni, la qualità degli ovuli diminuisce significativamente, per cui dopo i 40 anni è molto difficile riuscire a rimanere incinta spontaneamente. Per questo motivo, se hai tra i 30 e i 40 anni e per diverse ragioni non prevedi di essere madre a breve termine, puoi congelare i tuoi ovuli e proteggerli dal passare del tempo, mantenendo intatta la tua fertilità.

La vitrificazione di ovuli ha effetti secondari?

NO. Non è vero che la vitrificazione di ovuli comporti un aumento del rischio di cancro, e neppure un aumento di peso corporeo, l'apparizione improvvisa di acne o altri effetti indesiderati.

La vitrificazione di ovuli anticipa la menopausa?

NO. In condizioni normali, una donna in età riproduttiva ha una riserva di circa 200.000-300.000 ovuli. In ogni ciclo ovarico (in media ogni 28 giorni) vengono prodotti 100-200 ovuli, dei quali solo 1 o 2 arrivano alla maturità, mentre il resto si elimina insieme alle mestruazioni. Durante questo processo, si fa maturare una certa quantità di ovuli che comunque andrebbero persi, senza alterare il numero complessivo di ovuli della donna. Questi sono gli ovuli che vengono congelati.

Potrò avere figli spontaneamente dopo la vitrificazione di ovuli?

. Il processo di stimolazione delle ovaie e la successiva vitrificazione degli ovuli non altera la tua riserva ovarica, ossia il numero complessivo dei tuoi ovuli non diminuisce. Gli ovuli vitrificati sono semplicemente "un'assicurazione" nel caso avessi difficoltà a rimanere incinta quando deciderai di essere madre.

La vitrificazione di ovuli è un processo fastidioso? Posso fare una vita normale?

NON è fastidioso, ma a causa del trattamento, temporalmente si osserva un lieve aumento del volume corporeo come conseguenza della ritenzione di liquidi, simile a quanto avviene durante le mestruazioni. Sono sintomi assolutamente normali e che scompaiono una volta terminato il trattamento, pochi giorni dopo le mestruazioni. Durante tutto il trattamento potrai avere una vita normale.

Quanto tempo possono rimanere congelati i miei ovuli?

L'azoto liquido consente di mantenere gli ovuli a -196 ºC indefinitamente, fino al momento in cui vorrai utilizzarli, senza che il tempo ne comprometta il potenziale riproduttivo.

Cosa dovrò fare quando vorrò utilizzare i miei ovuli congelati?

Quando deciderai di utilizzare i tuoi ovuli congelati, per prima cosa verranno scongelati. In seguito saranno inseminati e gli embrioni risultanti verranno trasferiti nel tuo utero.

È una tecnica sicura? La vitrificazione di ovuli ha effetti secondari negativi sui neonati?

Anche se è una tecnica nuova e applicata di recente, disponiamo di molti dati che indicano che i neonati a partire da ovuli congelati non presentano più rischi di soffrire di malattie rispetto agli altri.

Che percentuale di successo o probabilità di gravidanza avrò dopo aver congelato i miei ovuli?

Dipende da diversi fattori, soprattutto dal numero e dalla qualità degli ovuli nel momento del congelamento, però in linea generale è una tecnica molto efficace e, pertanto, la probabilità di rimanere incinta è altissima.

Domande mediche

Cos'è l'endometriosi?

È la crescita di tessuto endometriale fuori dall'utero, che è la sua normale localizzazione. Solitamente insorge nelle tube di Falloppio, nelle ovaie e nella cavità peritoneale. Dipende dai livelli ormonali degli ormoni sessuali femminili , e a ogni ciclo ovulatorio cresce fino a squamarsi con le mestruazioni.

Vi sono diversi gradi di endometriosi e i più gravi sono associati a dolore (principalmente durante le mestruazioni) e a infertilità (ostruzione delle tube, cisti ovariche, ecc.)

La fecondazione in vitro è la tecnica di procreazione assistita che viene impiegata per trattare l'infertilità dovuta a endometriosi.

Cosa sono le ovaie policistiche?

È un problema molto frequente nelle donne ed è così denominato per la presenza di molteplici cisti di piccole dimensioni (follicoli) sulla superficie dell'ovaia quando si osserva con l'ecografia.

In molti casi non comporta alcun problema, però accade che alcune di queste donne abbiano cicli senza ovulazione, cicli mestruali molto irregolari e persino assenza di mestruazioni.

Pertanto, per poter rimanere incinta, una donna con la sindrome delle ovaie policistiche avrà bisogno dell'aiuto della procreazione assistita.

Questo sito web utilizza i cookie per raccogliere informazioni statistiche sulla navigazione. Se si continua la navigazione, si consideri che si accetta il suo utilizzo.   Più informazioni.

X